75° Anniversario della Carta delle Nazioni Unite

Oggi, 26 giugno 2020,  l’Assemblea Generale dell’ONU commemora il 75° anniversario della firma della Carta delle Nazioni Unite.

All’evento partecipano esponenti dell’ONU, degli Stati membri, di giovani, società civile e settore privato.

La Carta fondamentale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite fu firmata esattamente 75 anni fa a San Francisco. I fondatori dell’ONU uscivano dalla Seconda Guerra Mondiale, un’epoca segnata dal clamoroso fallimento della Società delle Nazioni: il precedente tentativo di un’organizzazione internazionale di prevenire i futuri conflitti e mantenere la pace e la sicurezza globali.

Quello che immaginavano era un futuro in cui i benefici della cooperazione tra Nazioni, basata sul diritto internazionale, sarebbero stati riconosciuti come superiori rispetto al pesante costo delle guerre.

Ad oggi, purtroppo, le persistenti e numerose guerre e violazioni di diritti umani, ci ricordano che siamo ancora molto lontani dalla solidarietà e dalla cooperazione internazionali auspicate in origine dalla Carta.

Di fronte all’attuale scenario internazionale di tensioni è legittimo pensare che l’Organizzazione delle Nazioni Unite si sia posta degli obiettivi ben al di sopra degli strumenti che le sono stati messi a disposizione.

Pur non riuscendo a garantire la pace, l’ONU ha comunque creato uno spazio in cui favorire il dialogo e la cooperazione internazionale e la stipulazione di trattati a tutela di minoranze e diritti.

Alla luce dei costi umani, economici e sociali che la pandemia da Covid-19 sta provocando a livello globale, è ora più che mai necessario riaffermare i valori, i principi e gli obiettivi enunciati nella Carta delle Nazioni Unite, per contrastare il continuo indebolimento dell’Onu e delle istituzioni internazionali.

Un obiettivo che dovrebbero porsi le Nazioni Unite ora è coordinare l’azione degli Stati membri per affrontare in modo efficace le sfide globali che si stagliano nell’orizzonte del divenire della società contemporanea.

Se desideri approfondire clicca qui.

Pubblicato in News