Convegno: “Il contributo delle organizzazioni intergovernative e non governative alla pace e alla sicurezza internazionale” – Pisa, 6/3/2020 ***EVENTO ANNULLATO***

La rivista online del CISP “Scienza e Pace / Science and Peace”, in collaborazione con il Centro Interdisciplinare “Scienze per la Pace” e con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Pisa organizza venerdì 6 marzo 2020, dalle ore 9 alle ore 14, un convegno / incontro di dottorato aperto a tutte e tutti, intitolato: “Il contributo delle organizzazioni intergovernative e non governative al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale”.

Il convegno si svolgerà nell’Aula Magna Storica della Sapienza. Cinque giovani ricercatori, dottorandi o neo-dottorati, provenienti da vari paesi illustreranno i loro lavori, pubblicati sull’ultimo numero della rivista “Scienza e Pace / Science and Peace”. Ciascun contributo verrà discusso, oltre che dall’autore, da un docente proveniente da università italiane o straniere. 

 

PRESENTAZIONE

A partire dall’istituzione delle Nazioni Unite, le organizzazioni internazionali intergovernative hanno assunto un ruolo sempre più importante in materia di mantenimento della pace. Soprattutto a partire dagli anni ’90 del secolo scorso, le iniziative regionali si sono moltiplicate. Tali iniziative godono di alcuni vantaggi strutturali: si attenua la diffidenza con la quale le parti di una controversia guardano agli interventi totalmente esterni; le organizzazioni regionali hanno il miglior polso della situazione, conoscendo la storia, le tradizioni, gli interessi locali e le situazioni interne; inoltre, esse sono direttamente interessate ad evitare l’allargamento della controversia. Tra le organizzazioni regionali con cui l’ONU ha instaurato un’efficace collaborazione vi sono, ad esempio, l’Unione africana, la Lega araba, l’Organizzazione degli Stati americani, nonché l’OSCE e, con risultati più discussi, la NATO.

Negli ultimi decenni, anche le organizzazioni non governative (ONG) hanno iniziato a svolgere un ruolo crescente e significativo in materia di pace e sicurezza internazionale. Con la fine della guerra fredda, le tensioni endemiche presenti nei singoli Stati hanno prodotto una nuova tipologia di conflitti: si tratta di conflitti a carattere intrastatale o transnazionale, in cui le componenti etnica e religiosa svolgono spesso un ruolo di primo piano, coinvolgendo in maniera molto rilevante la popolazione civile. Sono inoltre, spesso, caratterizzati da grande violenza (il che rende ancora più necessari e urgenti gli interventi umanitari) ed il carattere interno delle dispute e la loro tendenza autonomistica o indipendentista, inoltre, comporta il frequente collasso delle strutture statali. In questo complesso scenario le organizzazioni non governative hanno dimostrato di poter operare con efficacia. La loro struttura flessibile e non verticistica conferisce loro, infatti, una buona capacità di dialogare con gli elementi della società civile e non di rado esse riescono ad interagire con le stesse autorità locali per la loro attitudine ad essere riconosciute come soggetti super partes.  

 

PROGRAMMA

 

Saluti istituzionali

Prof. Pompeo della Posta, Direttore Rivista “Scienza e Pace / Science and Peace” Prof.ssa Emanuela Navarretta, Direttrice Dip. Giurisprudenza, Università di Pisa Prof.ssa Enza Pellecchia, Direttrice Centro Interdisciplinare “Scienze per la Pace”, Università di Pisa

 

Inizio dei lavori

Presiede e coordina: Prof.ssa Francesca Martines, Università di Pisa Presenta e introduce: Prof. Gerardo Martino, Università degli Studi di Salerno

Profili di legittimità degli interventi delle organizzazioni regionali basati sui trattati Dott. Bernardo Mageste Castelar Campos, dottorando, Università degli Studi di Milano-Bicocca

Discussant: Prof. Matteo Del Chicca, Università di Pisa

Il contributo alla pace della Comunità di Sant’Egidio: dal successo in Mozambico all’accordo con le Nazioni Unite Dott. Gabriele Rugani, dottorando, Università di Pisa

Discussant: Prof.ssa Adriana Di Stefano, Università degli Studi di Catania

 

Pausa caffè

 

Danno massiccio all’ambiente: crimine di guerra, ma non in tempo di pace? Le organizzazioni intergovernative ed il prossimo passo nella governance globale ambientale Dott. Djalma Alvarez Brochado Neto, dottorando, Universidade Federal do Ceará, Brasil

Discussant: Prof. Raffaele Cadin, Università Sapienza di Roma

Le operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite e la controversa questione della responsabilità internazionale Dott.ssa Miriam Schettini, dottoranda, Università di Pisa

Discussant: Prof.ssa Egeria Nalin, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”

The United Nations as the peacekeeping institution. An Aristotelian analysis Prof.ssa Anna Woźniac, Kozminski University, Warsaw, Poland

Discussant: Prof. Marcilio Toscano Franca Filho, Universidade Federal da Paraíba, Brasil

 

Conclusioni

Prof. Leonardo Pasquali, Università di Pisa

 

LUOGO

Aula Magna Storica, Palazzo della Sapienza, via Curtatone e Montanara 15, Pisa

Mappa: https://goo.gl/maps/Dvkm25EW4jKaULPJ7  

 

LOCANDINA

Locandina del convegno